Archivio per : settembre, 2016

post image

Tra vento fresco e temporali

Più o meno la tendenza dei prossimi giorni si può riassumere così.
L’alta pressione che sta dominando sull’Europa centrale non ha, infatti, la minima intenzione di lasciar passare perturbazioni oceaniche, limitando di molto il giusto apporto di pioggia per le regioni del Nord e di parte del Centro Italia.

L’unica concessione viene fatta per una bassa pressione che sta solcando il Mediterraneo dalle parti delle coste africane, fino a sfiorare le Isole Maggiori italiane.
Proprio questa struttura nel fine settimana riuscirà ad entrare in maniera più decisa verso i nostri confini, portando alcuni temporali (anche forti) al Centro-Sud. Nel contempo, però, aprirà un solco che all’inizio della settimana entrante verrà riempito da venti di Grecale e Bora, non particolarmente freddi ma più asciutti.

Al Nord quindi si passerà dal tempo asciutto e mite al tempo asciutto e fresco (almeno durante la notte).
Al Centro si andrà dal tempo instabile del fine settimana al tempo più stabile ma ventilato e relativamente fresco.
Al Sud si andrà dal tempo instabile del fine settimana al tempo sempre instabile, ma con qualche occhiata di sole in più e vento relativamente sostenuto e fresco.

post image

Qualche giorno più tranquillo, con pochi scossoni

Oggi comincia l’autunno anche per chi si affida alle definizioni astronomiche, esattamente alle ore 16:21 italiane, il momento dell’Equinozio.
E con l’autunno si sono già visti i primi estesi banchi di nuvole basse sulle pianure e le vallate del nord Italia, ad indicare le lunghe e ormai fresche nottate che cominciano a farsi notare.

Il tutto dopo i temporali di ieri, che in alcune aree come ovest Lombardia e Ravennate hanno portato piogge molto abbondanti, per poi scivolare verso sud e verso il largo sui mari.

Ancora oggi ci saranno alcuni temporali tra Lazio, Sardegna e sud Italia; poco altro da segnalare.
A seguire, da domani e almeno fino a domenica compresa, giornate decisamente più tranquille, spesso stabili. Dato il sole ancora forte andrà magari tenuto d’occhio qualche veloce acquazzone nel pomeriggio nelle aree interne, ma in generale potremo passare un periodo tra un po’ di sole e passaggi di banchi di nuvole innocui.
Le uniche regioni che faranno eccezione saranno SICILIA, CALABRIA e forse PUGLIA, dove – proprio nel fine settimana – ci saranno nuovi forti acquazzoni e probabilmente anche locali nubifragi.

La temperaturain generale  si manterrà nella normalità del periodo, almeno di notte; di giorno si potranno localmente superare i 25°C. Vento … poco, a regime di brezza.

post image

Giovedì il tempo cambierà

Piogge e temporali al Sud e nelle aree adriatiche, saltuariamente anche tra bassa Toscana, Lazio e Umbria, una tantum pure in Liguria.
Fresco nel Meridione, dove il Grecale soffia ad intermittenza. Caldo afoso al Nord, qua e là anche al Centro.

Questo il quadro del tempo degli ultimi giorni in Italia, una condizione in un modo o nell’altro anomala per il periodo di settembre.
Fino a mercoledì non ci saranno grosse variazioni, anche se lentamente l’instabilità nel Meridione inizierà a mollare la presa, sparpagliando i temporali e facendoli durare sempre meno.

Ma da giovedì interverranno altre correnti, venti freschi e umidi oceanici, che soffieranno via tutta l’umidità raccoltasi sui nostri mari, nelle pianure e nelle vallate condensandola in una scodata di forti temporali che attraverseranno tutta l’Italia del Centro-Nord.
Passati i primi temporali arriveranno quindi il Libeccio e il Mistral, a far calare le temperature e a mantenere per qualche giorno una certa instabilità che proporrà ancora degli acquazzoni sparsi nelle regioni più esposte al vento.

Note di autunno, quindi. Con una scadenza che al momento non è ancora dato conoscere.

post image

Arriva aria asciutta, fresca per pochi

L’uragano Gaston, che ha dominato la scena dell’Oceano Atlantico soffiando i suoi venti fino a 200 km/h ben lontano dalla terraferma (ecco perché non ha fatto notizia sui Media) si è ormai dissolto.
La poca energia rimasta alla fine del suo ciclo vitale è stata agganciata da una normale perturbazione atlantica, che così facendo ha deviato dal suo corso ormai ben delineato sul’Europa del Nord deviando verso l’Italia e i Balcani.

Dalle nostre parti quindi arriverà (entro poche ore) un soffio di aria asciutta, fresca solo per alcune regioni tra l’Adriatico e il Meridione, a costruire una nuova bassa pressione sul basso Tirreno per 3-4 giorni almeno.

La settimana iniziata oggi sarà quindi presto scandita da alcuni temporali – anche forti – al Sud Italia e sulle aree del medio Adriatico; Bora e Grecale discontinui ma presenti un po’ su tutto il Centro-Sud (inizialmente anche sulle coste dell’alto Adriatico), e un certo calo delle temperature che si farà sentire in particolare nelle ore della tarda sera e del primo mattino.
Nelle ore del pomeriggio l’aria sarà ancora calda, anche se più asciutta, in particolare tra Valle d’Aosta, Piemonte e Lombardia dove le raffiche di Favonio manterranno la colonnina di mercurio attorno ai 30 gradi, se non di più.