Senza nome

Continua a fare troppo caldo

I dati sono chiari: in larga parte d’Europa continua a fare troppo caldo.
Lo dice il NOAA, l’Agenzia Federale statunitense riconosciuta a livello mondiale come organo ufficiale per gli studi e le statistiche sul clima.

La mappa in allegato, fornita proprio dal NOAA, mette in evidenzia le anomalie calde e fredde dell’ultima settimana (dal 4 al 10 gennaio) sul Continente Europeo, rispetto alla media delle temperature del trentennio tra il 1981 e il 2010, riferimento attuale.
Per quanto riguarda il Nord Italia – si sa – tra venerdì 9 e sabato 10 c’è stato un episodio di Foehn particolarmente intenso, e quindi qui l’anomalia viene subito spiegata in maniera chiara. Tuttavia larga parte dell’Europa centrale, la Spagna, la Scandinavia e altri Paesi ancora hanno avuto temperature esageratamente alte.

Il responsabile primo di questo è l’aria calda che arriva dal Tropico, ancora risucchiata verso le coste europee dal largo dell’Oceano dalle robuste basse pressioni che passano sul nord Europa portando tempeste.
Le uniche zone che si salvano – registrando anzi un freddo accentuato – sono i Balcani (in parte), l’Ucraina e i confini russi, quelle aree dove c’è un manto di neve uniforme e piuttosto spesso. Il manto di neve fresco, difatti, da una parte raffredda l’aria vicino al suolo, dall’altra respinge le perturbazioni calde dall’Atlantico, costringendole a cambiare traiettoria.
Insomma, in un certo senso l’est Europa – in particolare nei dintorni del Mar Nero – sta tentando di resistere all’assalto dell’aria calda.

Nel prossimo futuro comunque le cose si metteranno a posto, almeno sull’Europa centrale: arriverà aria più fredda, che però incontrando l’aria troppo umida e mite sul suo cammino porterà molte nuvole, piogge e neve per diversi Paesi fino a bassa quota, a tratti anche in pianura.

L’Italia verrà via via coinvolta dal brutto tempo, e probabilmente alla lunga – entro 5-7 giorni a partire da oggi – anche qui alcune regioni potranno avere aria più fredda.
Intanto possiamo confermare l’arrivo di qualche nevicata sulle Alpi nel weekend; poi, per la prossima settimana è ancora tutto da valutare.


Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>