zt850z1_web_13

Vento protagonista per diversi giorni

Per il momento il mese di gennaio continua a mantenersi relativamente freddo, non solo in Italia ma anche in buona parte dell’Est Europa.
Dalle nostre parti, durante la settimana dell’8-14 gennaio, le anomalie hanno toccato i 6-7 gradi nel Meridione, 4-5 gradi sull’Appennino in genere, 1-3 gradi altrove.

E per il momento le condizioni non muteranno di molto.
C’è infatti un buon serbatoio di freddo ormai ben sedimentato sull’Europa orientale, e c’è una bassa pressione sul Mediterraneo che lo risucchia a sé, rimescolandolo con l’aria marina più mite, costruendo nuvole e portando nevicate abbondanti nelle zone più esposte.

La bassa pressione, alimentandosi di questi contrasti sta diventando via via più profonda; ma nel contempo pescando aria fredda e pesante fa aumentare la pressione sulle coste balcaniche.
Aumenta quindi la differenza di pressione tra l’Italia e l’interno del Continente; di conseguenza i venti diventano più forti.
Bora e Grecale; questi i protagonisti tra oggi e i prossimi giorni. Raffiche che in alcune zone potranno superare i 100 chilometri orari, specie nelle aree appenniniche sottovento; ma punte di 80 chilometri orari si vedranno in molte aree tirreniche e sulle coste dell’alto Adriatico. Lasciando perdere Trieste, che in queste occasioni può sfornare dei 130 km/h come niente.

E con il vento continueranno le nevicate abbondanti sull’Appennino, Emiliano, Romagnolo e centrale in genere; così come sulle colline adriatiche vicine, le montagne e le vallate sarde e i rilievi di Campania, Lucania e Molise.

Una condizione invernale, insomma. Che non si risolverà prima di giovedì.


Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>