Tag : gennaio

post image

Gennaio 2017: un mese freddo

Dopo molto tempo – quasi 2 anni per alcune regioni – l’Italia ha vissuto un mese di temperature al di sotto della normalità.
E’ il mese di gennaio 2017, che ha aperto l’anno con venti freddi, perlopiù asciutti al Settentrione, più umidi e ricchi di nevicate al Centro-Sud, come d’altra parte ci hanno raccontato le immagini e la cronaca da Abruzzo e Marche.

Tutto a causa di nevicate estese che nel mese precedente avevano riguardato la Russia fin sui confini europei, con le temperature che nelle vallate tra i monti Urali hanno sfiorato i -50°C.
Un ammasso di aria gelida che, con qualche difficoltà, è riuscito a spingersi in parte stemperato fin sull’Europa centrale e l’Italia con le conseguenze che sappiamo.

Due numeri: al Centro-Sud l’anomalia ha raggiunto i -2/-3°C sui valori tipici del periodo; nel Settentrione, invece, non siamo scesi per più di un grado al di sotto della normalità. Anzi, in alcune zone della Pianura Padana, complice il vento di Favonio che accompagnava le irruzioni fredde, la temperatura è rimasta su valori del tutto normali.

Comunque, come già accennato, larga parte dell’Europa centrale ha vissuto un mese freddo; il picco è stato raggiunto nelle vallate balcaniche, dove il gelo ha portato valori fino a SEI GRADI al di sotto della normalità.
Di contro nel nord Europa l’aria è rimasta relativamente tiepida.