Tag : meteoweekend

post image

Con dicembre torna l’alta pressione

Questi ultimi giorni ci hanno fatto dimenticare il tepore – talora eccessivo – che permeava l’aria di gran parte d’Italia fino a metà novembre.
Si parla di anomalie estese e ampie, che hanno portato a registrare alcuni record di temperatura, soprattutto nelle località montane.

Adesso, invece, grazie alla folata di aria arrivata nel fine settimana dalla Groenlandia, le cose si sono messe a posto; anche se non ci sono state nevicate degne di nota sulle Alpi, facendo così mancare un ingrediente fondamentale per l’inverno imminente, sia dal punto di vista turistico che economico e logistico.
Entro venerdì invece arriveranno nuove nevicate sull’Appennino, in particolare il versante adriatico dove si accumuleranno – tra Marche, Abruzzo e Molise, anche 50-70 cm di neve fresca in quota; il tutto per una nuova perturbazione, che insisterà poi nel Meridione verso la fine della settimana.

Ma proprio nel weekend tornerà a farsi avanti l’alta pressione, che inizialmente non si farà notare troppo, poi da lunedì o martedì riporterà aria un po’ più mite in montagna (ma senza gli eccessi delle settimane scorse), lungo le coste nelle ore pomeridiane, e localmente anche nelle pianure interne. Solo al Sud rimarranno venti di Grecale moderati o tesi, sufficienti a mantenere l’aria più fresca e pulita.

Al momento c’è il rischio che questa alta pressione possa poi riuscire a insediarsi in maniera abbastanza stabile sull’Italia, portando una serie di giornate calme, umide e ricche di smog nelle pianure, più godibili in montagna per chi andrà a farsi le prime sciate.
Ma su questo argomento ci torneremo nel prossimo aggiornamento.

post image

La perturbazione del week-end? Probabilmente forte ed estesa

Arrivano conferme e maggiori dettagli riguardo al cambiamento del tempo atteso per la fine della settimana.

Una perturbazione che presto nascerà in Africa inizierà a far sentire i suoi effetti già venerdì in Sardegna, con piogge battenti e qualche temporale, per poi estendersi velocemente al Tirreno e le regioni vicine tra la notte e la giornata di sabato, dove porterà vento forte, piogge battenti, alcuni temporali forti e un certo calo della temperatura nelle ore del pomeriggio.

Il tutto sarà infatti accompagnato da una bassa pressione profonda, che sfilerà poi velocemente verso i Balcani investendo anche le regioni adriatiche fino al basso Veneto o l’Emilia-Romagna, portando anche qui i suoi effetti entro domenica.
Più a nord, probabilmente, arriveranno nuvole, un po’ di vento, aria umida, fresca, e piogge decisamente più scarse.

Il peggioramento lascerà spazio a nuove schiarite sul versante tirrenico già domenica, ma rimarrà il vento, fresco, teso, che accompagnerà molte zone d’Italia fino a lunedì compreso.

post image
post image

Meteo Weekend Pasqua: verso la frescura

Poteva mai esserci una Pasqua con la previsione di bel tempo stabile?
Certamente no, altrimenti non sarebbe stata una vera e propria Pasqua, un fine settimana di una primavera ancora acerba, capricciosa, instabile.
E allora anche quest’anno la tradizione verrà rispettata, costringendoci a tenere a portata di mano un vestiario non particolarmente leggero.

Ma andiamo con ordine:
.

SABATO 
Nord: Nuvole in Romagna (dove cadrà qualche goccia di pioggia in mattinata) e nel Triveneto (dove poi in serata arriveranno alcuni acquazzoni seguiti da Bora fresca).
Nuvolaglia anche sui crinali di confine, accompagnata da vento sulle cime. Meglio altrove, con aria piuttosto mite nelle ore centrali.


Centro
: Qualche pioggia probabile in alta Toscana sin dal mattino, poi in giornata anche nelle Marche e nel Perugino.
In generale ci saranno nuvole frastagliate un po’ dappertutto, più compatte nella Toscana in genere e a ridosso delle montagne, più fratte tra basso Lazio e Abruzzo.
L’aria non sarà particolarmente mite.


Sud
: Nuvole via via più sparse, a partire da Sardegna, Sicilia e Appennino. Fresco, ventilato in Sicilia.
Non sono previste piogge fino a sera.

.
DOMENICA DI PASQUA

Nord: Mattinata nuvolosa, umida, fresca, ma con le prime aperture già evidenti sulle Alpi e la pianura a nord del Po prima di mezzogiorno. Qualche fiocco di neve cadrà sui colli del Triestino, lungo i confini del Goriziano, ma anche in Appennino tra Romagna e i vicini confini emiliani, fino a 5-600 metri.
Nel pomeriggio la Bora e la Tramontana prenderanno forza nelle aree esposte, mentre nelle aperte pianure tra Piemonte, Lombardia ed Emilia la giornata tornerà più piacevole, seppur non così mite: le nuvole si ammasseranno verso l’Emilia e la Romagna, a ridosso delle montagne dove al momento non si può ancora escludere un altro veloce rovescio in giornata.


Centro
: Veloce passaggio di acquazzoni da nord a sud , seguiti da raffiche freddine di Bora e Grecale. In occasione dei rovesci ci potranno essere anche delle grandinate, e la neve potrebbe cadere fino a 500-600 metri nelle zone più esposte al vento.
In serata ventilato, piuttosto freddo e asciutto, ma il tempo inizierà lentamente a migliorare.


Sud
: Giornata abbastanza limpida per molte zone della Sardegna, qua e là anche in Sicilia; altrove ben più grigio per gran parte del tempo, con qualche pioggia.
Tra la seconda parte del pomeriggio e la sera alcuni forti acquazzoni seguiti da raffiche di Tramontana e Bora scivoleranno da Molise e Puglia verso Campania, Calabria e Lucania, sfiorando anche la Sicilia; il vento poi raggiungerà la Sardegna prima della notte.


.
LUNEDI’ DELL’ANGELO

Nord: Giornata ventosa e fredda sulle vette alpine, specie quelle affacciate verso l’Austria dove si ammasserà anche qualche nuvolone che poi sconfinerà fin sul Friuli-Venezia-Giulia. Nuvole anche sulle Prealpi nelle ore centrali.
Abbastanza soleggiato altrove, ma con temperature gradevoli solo nella pianura piemontese, parte di quella lombarda ed emiliana; umido e fresco sul litorale ligure.


Centro
: Inizialmente ventilato e fresco, con le ultime nuvole dense che si attarderanno tra Marche, Abruzzo e basso Lazio, con fiocchi di neve fino in basso, più abbondanti tra la Maiella e il Gran Sasso.
Da metà mattina lentamente più gradevole, anche se non così mite a causa dell’insistenza del vento; le raffiche (freddine) insisteranno fino a tarda sera solo in Abruzzo e nelle zone più interne del Lazio.
Nelle ore centrali, quando si toccheranno i 12-16 gradi a seconda delle zone, si potranno formare dei nuvoloni tra collina e montagna; il rischio di acquazzoni è comunque basso.


Sud
: Giornata ventosa e piuttosto fredda; andrà un po’ meglio solo in Sardegna dove nel pomeriggio il vento mollerà la presa lasciando spazio a un po’ di tepore.
Poche le piogge e le nevicate (in montagna) previste, più probabili nel pomeriggio quando si formeranno dei nuvoloni che dall’Appennino potrebbero ruzzolare verso le coste campane, quelle della Calabria e il Golfo di Taranto.

post image
post image

Meteo Weekend: tornano lentamente nuvole e piogge

Con una precisione che oseremmo definire svizzera, le nuvole e la pioggia sono pronte a tornare sul territorio italiano proprio durante il fine settimana, con l’obiettivo non dichiarato di rovinarci le giornate di riposo.
(altro…)

post image
post image
post image

Meteo weekend: meglio sabato, più nuvole domenica

Non sarà un fine settimana di bel tempo incontrastato, ma nemmeno un weekend particolarmente avverso.


E’ infatti previsto il passaggio di un paio di perturbazioni piuttosto fiacche, che non saranno in grado di lasciare il segno come quelle che si sono viste dalle nostre parti nei giorni scorsi. L’aria poi non sarà particolarmente fredda, sia in montagna che in pianura.

Vi diamo giusto due indicazioni di massima, per orientarvi:

SABATO

NORD
Ci sarà della nuvolaglia di passaggio tra il Triveneto, l’Emilia-Romagna e parte della Lombardia, ma non sono previste piogge o nevicate.
Freddo solo verso i crinali al confine con Svizzera ed Austria, dove ci sarà un po’ di vento a inizio giornata; meglio altrove, in particolare sulla pianura veneta e friulana dove si potrà salire anche fin sui 14-15 gradi.

CENTRO
Rimane della nuvolaglia tra le Marche, le montagne dell’Abruzzo e i crinali appenninici affacciati verso l’Adriatico, ma qui non nevicherà, anche se soffierà ancora un po’ di vento fresco soprattutto verso le coste.
Meglio nelle altre regioni, con temperature fino a 15-16°C nelle ore centrali nel Lazio.

SUD
In mattinata sempre piovoso, fresco e ventoso tra Puglia, Molise e parte della Lucania; poi migliorerà.
Tempo instabile per gran parte del giorno tra Sardegna e – soprattutto – Sicilia, dove gli acquazzoni saranno anche accompagnati da qualche raffica di vento. Meglio nel resto del territorio, seppure non particolarmente limpido né mite.

DOMENICA

NORD
Tra la notte e la mattina veloce passaggio di vento forte, nuvole e qualche fiocco di neve sui crinali al confine con Francia e Svizzera, poi migliorerà. Sempre in mattinata e fino a metà pomeriggio nuvole di passaggio anche sul resto del territorio, in particolare sul Triveneto e la Romagna dove ci sarà anche qualche pioggia veloce, con fiocchi di neve fino in bassa collina.
Rinfresca leggermente, ad eccezione della pianura piemontese dove si farà sentire qualche raffica di Foehn.

CENTRO
Giornata più fresca, umida, nuvolosa in particolare tra Toscana, parte delle Marche, nel Perugino e nell’alto Lazio, tutte zone che potrebbero vedere qualche pioggia entro la fine del pomeriggio (fiocchi di neve sopra i 600-900 metri).

SUD
Insiste qualche nuvolone sulle regioni ioniche e nel Salento, dove a tratti pioverà. Per il resto la giornata sarà decisamente più gradevole del sabato, anche se poi il tempo peggiorerà di nuovo verso sera.

post image

Meteo weekend: neve sulle montagne, pioggia in pianura

Dopo qualche giorno più tranquillo il tempo sta per cambiare di nuovo.

Come già accennato nell’articolo di martedì scorso non è previsto l’arrivo di aria fredda, bensì di aria umida e instabile, che porterà nuvole e piogge sul versante tirrenico, ma anche nevicate in montagna.
Mentre le coste liguri e tirreniche potranno vedere anche dei temporali, le montagne e i colli di molte regioni del Settentrione – così come le cime dell’Appennino – vedranno la neve, come si conviene in un normale peggioramento invernale.

Si preparino quindi gli amanti dello sci e dello snowboard, perché in particolare sulle Alpi potranno godere di condizioni ideali (seppure con tempo umido) e magari anche di qualche imbiancata aggiuntiva, almeno tra Lombardia, Trentino-Alto Adige e Veneto.
Nevicherà anche sull’Appennino tra Toscana ed Emilia-Romagna, sopra i 700-900 metri, soprattutto nella notte tra sabato e domenica. Qualche fiocco anche sul resto delle montagne appenniniche, ma senza particolari accumuli.

Se avrete poi la fortuna di poter prolungare il vostro weekend sugli sci fino a martedì allora tenete conto della possibilità di nevicate davvero abbondanti in arrivo ad inizio settimana tra Valle d’Aosta, montagne del Piemonte (fino in basso), Appennino Ligure e – in misura inferiore – di nuovo l’Appennino Tosco-Emiliano.

Insomma, tutto si mette al meglio per gli operatori sciistici alpini e per i vacanzieri dei fine settimana.
Buon divertimento, dunque!