Tag : piemonte

post image

Alluvione Piemonte: un messaggio importante

Ricordate l’alluvione del novembre ’94 in Piemonte? Ci furono diversi morti e danni particolarmente ingenti.
In questi ultimi giorni nelle stesse zone ha piovuto di più, più forte e su aree più estese, colpendo di nuovo anche quei bacini già martoriati ormai 20 anni fa. Eppure i danni sono stati ridotti di molto.

Un plauso va alla Protezione Civile, dai dirigenti agli operatori sul campo, così come alle amministrazioni locali piemontesi e liguri.
Si è dimostrato come la corretta gestione del territorio, gli interventi di adeguamento e la prevenzione possano essere efficaci nel limitare danni ed evitare vittime in casi del genere.
Si dimostra come le allerte non vengano emanate a caso come pensa la maggior parte dei disinformati (volenti o nolenti), bensì come ci sia una struttura organizzativa dietro che ha un senso e una capacità di operatività ben oltre i limiti che siamo portati a immaginare.

post image

Neve in abbondanza sui monti piemontesi

Il primo giorno di maggio non è stato così favorevole alle solite scampagnate di chi cerca una giornata di totale relax.
Una ampia perturbazione ha infatti investito l’Italia a partire da ieri sera, scaricando gran parte del suo carico proprio durante la domenica, portando piogge e alcuni temporali, risparmiando solo poche regioni sul versante tirrenico e ligure.

Al Nord Italia si è vista di nuovo la neve in montagna, abbondante tra Piemonte e Valle d’Aosta dove in quota sono arrivati nuovi apporti per 20-30 cm, in alcune zone anche 40-50 cm di manto nevoso fresco.
Ovviamente gran divertimento per i bambini, poca utilità per gli impianti sciistici ormai chiusi, ma anche un piccolo utile apporto alle falde acquifere in vista dell’estate (anche se una singola nevicata non è in grado di cambiare sostanzialmente il regime idrico di una intera regione).

Il tutto in attesa di un periodo più tiepido, ancora vagamente variabile, che si prolungherà per gran parte della settimana.