Tag : settimanabianca

post image

Vento protagonista per diversi giorni

Per il momento il mese di gennaio continua a mantenersi relativamente freddo, non solo in Italia ma anche in buona parte dell’Est Europa.
Dalle nostre parti, durante la settimana dell’8-14 gennaio, le anomalie hanno toccato i 6-7 gradi nel Meridione, 4-5 gradi sull’Appennino in genere, 1-3 gradi altrove.

E per il momento le condizioni non muteranno di molto.
C’è infatti un buon serbatoio di freddo ormai ben sedimentato sull’Europa orientale, e c’è una bassa pressione sul Mediterraneo che lo risucchia a sé, rimescolandolo con l’aria marina più mite, costruendo nuvole e portando nevicate abbondanti nelle zone più esposte.

La bassa pressione, alimentandosi di questi contrasti sta diventando via via più profonda; ma nel contempo pescando aria fredda e pesante fa aumentare la pressione sulle coste balcaniche.
Aumenta quindi la differenza di pressione tra l’Italia e l’interno del Continente; di conseguenza i venti diventano più forti.
Bora e Grecale; questi i protagonisti tra oggi e i prossimi giorni. Raffiche che in alcune zone potranno superare i 100 chilometri orari, specie nelle aree appenniniche sottovento; ma punte di 80 chilometri orari si vedranno in molte aree tirreniche e sulle coste dell’alto Adriatico. Lasciando perdere Trieste, che in queste occasioni può sfornare dei 130 km/h come niente.

E con il vento continueranno le nevicate abbondanti sull’Appennino, Emiliano, Romagnolo e centrale in genere; così come sulle colline adriatiche vicine, le montagne e le vallate sarde e i rilievi di Campania, Lucania e Molise.

Una condizione invernale, insomma. Che non si risolverà prima di giovedì.

post image

Meteo weekend: meglio sabato, più nuvole domenica

Non sarà un fine settimana di bel tempo incontrastato, ma nemmeno un weekend particolarmente avverso.


E’ infatti previsto il passaggio di un paio di perturbazioni piuttosto fiacche, che non saranno in grado di lasciare il segno come quelle che si sono viste dalle nostre parti nei giorni scorsi. L’aria poi non sarà particolarmente fredda, sia in montagna che in pianura.

Vi diamo giusto due indicazioni di massima, per orientarvi:

SABATO

NORD
Ci sarà della nuvolaglia di passaggio tra il Triveneto, l’Emilia-Romagna e parte della Lombardia, ma non sono previste piogge o nevicate.
Freddo solo verso i crinali al confine con Svizzera ed Austria, dove ci sarà un po’ di vento a inizio giornata; meglio altrove, in particolare sulla pianura veneta e friulana dove si potrà salire anche fin sui 14-15 gradi.

CENTRO
Rimane della nuvolaglia tra le Marche, le montagne dell’Abruzzo e i crinali appenninici affacciati verso l’Adriatico, ma qui non nevicherà, anche se soffierà ancora un po’ di vento fresco soprattutto verso le coste.
Meglio nelle altre regioni, con temperature fino a 15-16°C nelle ore centrali nel Lazio.

SUD
In mattinata sempre piovoso, fresco e ventoso tra Puglia, Molise e parte della Lucania; poi migliorerà.
Tempo instabile per gran parte del giorno tra Sardegna e – soprattutto – Sicilia, dove gli acquazzoni saranno anche accompagnati da qualche raffica di vento. Meglio nel resto del territorio, seppure non particolarmente limpido né mite.

DOMENICA

NORD
Tra la notte e la mattina veloce passaggio di vento forte, nuvole e qualche fiocco di neve sui crinali al confine con Francia e Svizzera, poi migliorerà. Sempre in mattinata e fino a metà pomeriggio nuvole di passaggio anche sul resto del territorio, in particolare sul Triveneto e la Romagna dove ci sarà anche qualche pioggia veloce, con fiocchi di neve fino in bassa collina.
Rinfresca leggermente, ad eccezione della pianura piemontese dove si farà sentire qualche raffica di Foehn.

CENTRO
Giornata più fresca, umida, nuvolosa in particolare tra Toscana, parte delle Marche, nel Perugino e nell’alto Lazio, tutte zone che potrebbero vedere qualche pioggia entro la fine del pomeriggio (fiocchi di neve sopra i 600-900 metri).

SUD
Insiste qualche nuvolone sulle regioni ioniche e nel Salento, dove a tratti pioverà. Per il resto la giornata sarà decisamente più gradevole del sabato, anche se poi il tempo peggiorerà di nuovo verso sera.

post image

Meteo weekend: neve sulle montagne, pioggia in pianura

Dopo qualche giorno più tranquillo il tempo sta per cambiare di nuovo.

Come già accennato nell’articolo di martedì scorso non è previsto l’arrivo di aria fredda, bensì di aria umida e instabile, che porterà nuvole e piogge sul versante tirrenico, ma anche nevicate in montagna.
Mentre le coste liguri e tirreniche potranno vedere anche dei temporali, le montagne e i colli di molte regioni del Settentrione – così come le cime dell’Appennino – vedranno la neve, come si conviene in un normale peggioramento invernale.

Si preparino quindi gli amanti dello sci e dello snowboard, perché in particolare sulle Alpi potranno godere di condizioni ideali (seppure con tempo umido) e magari anche di qualche imbiancata aggiuntiva, almeno tra Lombardia, Trentino-Alto Adige e Veneto.
Nevicherà anche sull’Appennino tra Toscana ed Emilia-Romagna, sopra i 700-900 metri, soprattutto nella notte tra sabato e domenica. Qualche fiocco anche sul resto delle montagne appenniniche, ma senza particolari accumuli.

Se avrete poi la fortuna di poter prolungare il vostro weekend sugli sci fino a martedì allora tenete conto della possibilità di nevicate davvero abbondanti in arrivo ad inizio settimana tra Valle d’Aosta, montagne del Piemonte (fino in basso), Appennino Ligure e – in misura inferiore – di nuovo l’Appennino Tosco-Emiliano.

Insomma, tutto si mette al meglio per gli operatori sciistici alpini e per i vacanzieri dei fine settimana.
Buon divertimento, dunque!