Tag : weekend-freddo

post image

Con dicembre torna l’alta pressione

Questi ultimi giorni ci hanno fatto dimenticare il tepore – talora eccessivo – che permeava l’aria di gran parte d’Italia fino a metà novembre.
Si parla di anomalie estese e ampie, che hanno portato a registrare alcuni record di temperatura, soprattutto nelle località montane.

Adesso, invece, grazie alla folata di aria arrivata nel fine settimana dalla Groenlandia, le cose si sono messe a posto; anche se non ci sono state nevicate degne di nota sulle Alpi, facendo così mancare un ingrediente fondamentale per l’inverno imminente, sia dal punto di vista turistico che economico e logistico.
Entro venerdì invece arriveranno nuove nevicate sull’Appennino, in particolare il versante adriatico dove si accumuleranno – tra Marche, Abruzzo e Molise, anche 50-70 cm di neve fresca in quota; il tutto per una nuova perturbazione, che insisterà poi nel Meridione verso la fine della settimana.

Ma proprio nel weekend tornerà a farsi avanti l’alta pressione, che inizialmente non si farà notare troppo, poi da lunedì o martedì riporterà aria un po’ più mite in montagna (ma senza gli eccessi delle settimane scorse), lungo le coste nelle ore pomeridiane, e localmente anche nelle pianure interne. Solo al Sud rimarranno venti di Grecale moderati o tesi, sufficienti a mantenere l’aria più fresca e pulita.

Al momento c’è il rischio che questa alta pressione possa poi riuscire a insediarsi in maniera abbastanza stabile sull’Italia, portando una serie di giornate calme, umide e ricche di smog nelle pianure, più godibili in montagna per chi andrà a farsi le prime sciate.
Ma su questo argomento ci torneremo nel prossimo aggiornamento.